Tirreno CT, chef, pizzaioli e gelatieri i migliori premiati in Toscana

Si è conclusa giovedì 27 febbraio, nei padiglioni della Fiera di Carrara, la 34esima edizione della Tirreno CT, mostra convegno dedicata al comparto dell’ospitalità e della ristorazione._DSC5697

I 50.000 visitatori hanno potuto prendere visione, durante i 5 giorni di apertura di tutte le novità in fatto di attrezzature, prodotti, materie prime e servizi di ogni settore di attività coinvolto: albergatori, ristoratori, pizzaioli, pasticceri e gelatieri, baristi e panificatori hanno avuto a disposizione una grandissima vetrina dove condurre un vero e proprio aggiornamento professionale.

Oltre 300 espositori, in rappresentanza di più di 600 marchi commerciali, costituivano la parte prettamente espositiva: ospitati in tre padiglioni, rappresentavano tutte le categorie merceologiche: Food & Beverage, grandi impianti, arredo contract, materie prime, per arrivare fino all’abbigliamento professionale e ai servizi informatici per l’ospitalità.Daniel Favero vincitore campionato pizza

Come sempre, la Tirreno CT si è distinta per l’alto livello e la varietà dell’esposizione. Le aziende provenivano da 51 province di 14 regioni italiane e da due stati esteri, Olanda e Austria. Per quanto riguarda la distribuzione geografica delle aziende, la parte maggiore proveniva dalla Toscana, il 45% del totale. A seguire Emilia Romagna, con 12% e il Veneto con il 9%. Tra le province toscane, il primato andava a Massa Carrara, con il 14%, seguita da Lucca con il 10% e da Pisa con il 5%. Prima delle non toscane Treviso, con il 5% di aziende espositrici, e poi Milano con il 4% e La Spezia con il 3,5%.

Hanno partecipato attivamente l’Associazione Cuochi di Massa Carrara, l’Associazione Maitre Italiani Ristoranti Alberghi, il Sindacato Italiano Panificatori, la Strada del Vino dei Colli di Candia e di Lunigiana, la Federazione Italiana Cuochi, la Federazione Italiana Sommelier Albergatori Ristoratori, la Federazione Italiana Pasticceria, l’Ordine dei Maestri di Cucina, la Federazione Italiana Barman, la Nazionale Italiana Cuochi, Pizza e Pasta Italiana, l’Accademia Pizzaioli, la Scuola Nazionale Italiana Pizzaioli, l’Unione Regionale Cuochi Toscani.

Chef al lavoro

Tante le iniziative collaterali.

Oscar del gelato. Si chiama Gelateria Caprice 2 ed è a Carrara: è qui che si produce il migliore gusto nocciola d’Italia. E’ questa la gelateria che si è aggiudicata gli Oscar del Gelato organizzati dall’Associazione italiana gelatieri a Tirreno C.T., la fiera del settore ristorazione e ospitalità che si conclude oggi a Carrara Fiere.  Il tema di questa edizione era la nocciola, interpretata da oltre 30 partecipanti provenienti da tutta Italia. Sempre toscane le gelaterie finite nel podio: la medaglia d’argento è andata alla Gelateria G.D.B. di Ronchi (Massa) e il terzo posto per Eugenio di Marina di Massa (Ms).

Campionati italiani barman. Con il “Pink Spider” è stata la bar lady Eleonora Massari di Rimini a vincere i campionati italiani di barman promossi a Tirreno C.T. (Carrara Fiere) dalla Federazione Italiana Barman. Un cocktail a base di pestato di lamponi, latte di mandorle, rum e crema di cacao chiaro è quello che la giovane professionista ha creato per convincere la giuria composta da barman ed esperti del settore. Materia prima utilizzato, velocità di esecuzione e bilanciamento dei sapori sono alcuni dei parametri utilizzati. Un altro premio, sempre a una donna, quello per la Miglior Tecnica dimostrata durante tutto il campionato che è andato a Giulia Valery per la sua cura e attenzione nel creare i propri cocktail.

Giropizza Europa. E’ il giovane Daniel Favero, della Pizzeria Ometto di Carrara (Ms), ad aggiudicarsi il primo premio del concorso Giropizza d’Europa organizzato da Pizza e Pasta Italiana, che ha decretato il miglior pizzaiolo d’Italia. Con la pizza “Salute alle cave”, una pizza a base di pomodoro, asparagi, porri trifolati, lardo di Colonnata Igp e pomodori datterini, il giovane professionista ha convinto la giuria del premio composta da due pizzaioli e due cuochi. La seconda migliore pizza è invece francese, viene dalla pizzeria Ro-Ma di Digione ed è stata cucinata da Sebastien Masson. Al terzo posto si è piazzato invece Mario Matarazzo della pizzeria Manuno di Brescia. I primi dieci classificati parteciperanno alle finali europee in programma il 17 marzo ad Amburgo.

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...