Ricomincio da tre, da Firenze vista Ponte Vecchio iniziava la carriera cinematografica di Massimo Troisi

troisi_arena_aMassimo Troisi nasceva il 19 febbraio 1953. Ricomincio da tre è il primo film interpretato, scritto e diretto dal regista. Uscito nel 1981, ebbe un grande successo di pubblico e critica, tanto da valergli incassi record e la vittoria di due David di Donatello, miglior film e per il miglior attore. Il film detiene il record di maggiore permanenza nelle sale cinematografiche italiane, più di 600 i giorni di programmazione. Incassò circa 15 miliardi di lire.

Massimo interpreta Gaetano, un giovane e timido napoletano che arriva a Firenze con l’autostop rischiando la vita a causa dell’autista aspirante suicida (Michele Mirabella) che lui stesso porterà in clinica. Si innamora immediatamente dell’infermiera di turno che vedrà nuovamente in piazza Duomo. Memorabile la scena dell’incontro ‘casuale’ con la corsa in via de’ Cerretani (in realtà sarebbe bastato svoltare in piazza dell’Olio per ritrovarsi all’angolo di via Roma, ma la corsa, per esigenze cinematografiche, procede verso piazza di Santa Maria Maggiore). Indimenticabili le discussioni con Lello (Arena) in bicicletta per le strade della città e sul ponte di Santa Trinita, con Ponte Vecchio di sfondo.
Marta, una affascinante Fiorenza Marchegiani, lo accoglierà nella sua casa fiorentina arredata con estrema attenzione ai particolari; pure troppi per l’amico Lello Arena che lo andrà a trovare, toccherà tutto e creerà il solito timido imbarazzo. Gaetano faticherà a trovare un posto tra gli amici ingombranti della sua nuova compagna e verrà catapultato nell’età adulta con la scoperta di aspettare un figlio, forse suo, al quale imporre un nome corto, cortissimo, perché il rimprovero sia immediato, più rapido di ogni possibile conseguenza.

Nel backstage del film si vede la scala di legno sistemata su Ponte Santa Trinita per posizionare la telecamera che riprende i due amici dall’alto, ma si vedono anche i turisti ed i fiorentini che si intrattengono con gli attori durante una pausa delle riprese.

Massimo Troisi (San Giorgio a Cremano, 19 febbraio 1953 – Roma, 4 giugno 1994) è stato un attore, regista e sceneggiatore italiano, esponente della nuova comicità napoletana portata alla ribalta dal gruppo teatrale La Smorfia nella seconda metà degli anni settanta, assieme a Lello Arena ed Enzo Decaro. Nel 1996 fu candidato ai premi Oscar come miglior attore e miglior sceneggiatura non originale per il film Il postino. Scomparve prematuramente, a quarantuno anni, per un fatale attacco cardiaco.

 Cà sembra che nu napulitano non pò viaggià, pò sulamente emigrà…

 Quando c’è l’amore c’è tutto. No ti sbagli, chella è ‘a salute

Tre cose me so’ riuscite dint’a vita, pecché aggi’a perdere pure chelle? Aggi’a ricomincià da zero? Da tre!

troisi_arena_b

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...