Firenze, sotto la Galleria degli Uffizi la leggendaria città dei morti

 

uffizi_galleria_salaUna necropoli sotto gli Uffizi? Possibile, anzi probabile fino ad oggi a detta degli esperti. Voci, conferme poi smentite e tante supposizioni. Ma la conferenza stampa indetta dai vertici della Soprintendenza fiorentina per mercoledì 12 febbraio rende tutto più suggestivo. Una Firenze fantasma rimasta nascosta per secoli proprio lì, nel doppio fondo dello scrigno d’arte tra i più famosi al mondo.

Questa la straordinaria scoperta che sarebbe stata fatta dagli archeologi che si stanno occupando degli scavi iniziati dopo la ristrutturazione degli Uffizi e che darebbe fondamento a ipotesi abbozzate e mai comprovate, fino ad oggi. La scoperta potrebbe riscrivere, almeno in parte, la storia della città di Firenze. Numerosi scheletri per lo più accalcati nel tentativo di guadagnare più spazio possibile: questo soprattutto ha sorpreso gli archeologi  che già nel 2004,  durante i lavori per i Grandi Uffizi, riportarono alla luce una pluralità di reperti legati all’epoca medioevale.

Firenze dopo la fine dell’Impero Romano d’Occidente fu per anni ostaggio della guerra tra Goti di Teodorico e i Bizantini di Belisario. Un ventennio che avrebbe impoverito la popolazione autoctona, la fame, le stragi e la carestia l’avrebbero ridotta a poche migliaia di unità: questa la tradizione più accreditata fino ad oggi e che sta anche alla base della teoria di un tentativo di fortificazione della città secondo un perimetro più ristretto rispetto al precedente: le sue mura si restrinsero talmente da formare soltanto una fortezza dentro la città il cui confine era arretrato rispetto all’argine dell’Arno.  Il terreno su cui sorge oggi il celeberrimo museo, intorno al VI d.C , si trovava oltre le mura e si sarebbe prestato ad uso cimiteriale. Le sepolture rinvenute dagli archeologi in collaborazione con la Soprintendenza dei Beni Archeologici potrebbero fornire una spiegazione diversa di come andarono le cose: Firenze morì di peste.

L’epidemia imperversò infatti dopo l’arrivo degli orientali ed il fisico impreparato in molti casi ha portato a morte certa. A Firenze avrebbe finito per decimare la popolazione fiorentina. La quantità e la modalità con cui si potrebbero ritrovare gli scheletri dovranno però essere compatibili con morti contemporanee ed improvvise: sepolture non organizzate ma accatastate, ad esempio, l’una accanto all’altra. Un vero e proprio lazzaretto di manzoniana memoria sarebbe la prova inconfutabile.

Ne sapremo di più dopo la conferenza in programma mercoledì a Firenze, sotto le preziose sale degli Uffizi.

Annunci

2 pensieri su “Firenze, sotto la Galleria degli Uffizi la leggendaria città dei morti

  1. Pingback: Cimitero del V secolo sotto gli Uffizi « Italia Nostra

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...