Giuseppe Di Bernardo, il diaboliko disegnatore fiorentino che ha iniziato una crociata contro i ”Venditori di sketch”

Giuseppe Di Bernardo è un disegnatore di Diabolik, il “Re del terrore” creato dalle sorelle Giussani nel 1962 e pubblicato dalla casa editrice Astorina. Sceneggiatore ed autore delle serie L’Insonne (Arcadia), Cornelio, delitti d’autore, e The Secret (Star Comics).

diabolik_aHa pubblicato un romanzo dal titolo “L’Insonne” e due racconti su antologie del noir (Marco Del Bucchia). Editor della Star Comics, insegna disegno alla Scuola Internazionale di Comics di Firenze ed è stato storyborder e copywriter in numerose agenzie di pubblicità. Nel fumetto si può crescere professionalmente, ma è dura. I giovani che vogliono provarci pensano a Di Bernardo che è diventato un nome stimato ed apprezzato, Di Bernardo, forse, pensa invece a quando ha iniziato ed a tutta la strada impervia che ha dovuto percorrere per arrivare fino a qui.

Una delle sue creature più belle ed apprezzate è Desdemona, la deejay fiorentina di Radio Strega protagonista della serie L’Insonne che ha saputo concorrere in qualità e contenuti con i grandi personaggi della Bonelli, ma ha avuto la storia editoriale che si riserva solitamente ai più grandi capolavori: nell’ordine introvabile, ricercata, invendibile, ricercata, impubblicabile, ricercata e pubblicata ovunque Di Bernardo abbia trovato posto ed occasione. Letta, irrimediabilmente e spudoratamente acquistata e letta. Ma pare che questo aspetto sia del tutto secondario per l’editoria italiana.

Di Bernardo però, ed è per questo che oggi parliamo di lui, ad un certo punto ha dato vita ad una battaglia personale contro la “Pirateria degli sketch”, sketch ovvero agli schizzi da fiera.
“Mi sono accorto, in due decenni di carriera, che spesso i disegni che regalavo alle fiere del fumetto venivano poi rivenduti su eBay. In qualche caso ho assistito addirittura a chi ha venduto un disegno col proprio nome o con il proprio ritratto. Ma non era solo questo che mi infastidiva. Il guaio era che quei disegni erano realizzati in condizioni difficili, fatti di fretta, in pochissimo tempo. Quei miei disegni non valevano le decine di euro a cui venivano venduti. Che si sappia: mi fa schifo trovare i disegni che io regalo e dedico alle fiere rivenduti su eBay. E mi fa ancora più schifo quando mi ricordo del disegno fatto. Mi illudo che chi fa la fila per uno schizzo lo faccia per amore del disegno o passione per un personaggio. Invece no. E’ una specie d’investimento. Bravi. Fortuna che ho poca memoria per i volti. Il più delle volte neppure comprano nulla.
Per questo, con regolarità, metterò all’asta dei disegni semplici (e non solo) ad un prezzo ragionevole. Disegni che sono certamente più belli e curati di quelli che posso fare agli incontri del fumetto come Lucca Comics o Cartoomics. Se cercate uno schizzo originale di Diabolik o degli altri personaggi della serie, ora potete acquistarlo direttamente da me. Invito tutti a non acquistare i miei schizzi (che sono anche spesso brutti) ma contattare direttamente me oppure tenere sott’occhio la mia pagina su eBay dove trovare disegni più belli ed economici di quelli messi in vendita da terzi”. Se volete un disegno acquistatelo da chi lo ha realizzato.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Purtroppo, “malgrado la mia iniziativa realizzata per stroncare il commercio dei miei disegni regalati in fiera, il fenomeno non cessa. Un disegno a matita che ho realizzato in fiera viene venduto ad un prezzo più alto di uno dei miei finito a china”. “Smettetela di chiedermi disegni se ve li volete rivendere, l’Italia è piena di disegnatori, andate da loro a speculare. E voi, amici lettori, non acquistateli. Non cadete nel tranello” scrive Di Bernardo nel suo Blog.

“Ringrazio tutti coloro che in questi mesi hanno acquistato o fatto offerte alle mie aste. So bene che il periodo economico che sta attraversando il paese non è dei migliori e conosco bene le difficoltà delle famiglie. Per questo sono ancora più riconoscente verso chi ha deciso di impiegare anche pochi euro per l’acquisto di un mio disegno.
Qualche collega mi sta dicendo, tra il serio e il faceto, che svendo e che gli rovino la piazza con prezzi troppo bassi. Lo capisco ma io preferisco che il prezzo lo facciano gli acquirenti. Sono fatto così, mi interessa soprattutto che possano avere un bel disegno ad un prezzo ragionevole.
Molti mi chiedono perché non metta in vendita le tavole degli albi che arrivano in edicola. Purtroppo non posso, in quanto le tavole di Diabolik pubblicate nella serie sono di proprietà della casa editrice, e lì restano. Rimango comunque a disposizione per eventuali commissioni e disegni a richiesta”.

Un bilancio? “Ad un paio di mesi dal mio esordio su eBay devo dire che sono molto soddisfatto. Non per chissà quale guadagno, i prezzi che faccio sono piuttosto bassi, ma per il bel rapporto instaurato con i lettori che decidono di regalarsi un mio disegno originale di Diabolik o de L’Insonne. Ho avuto l’occasione di incontrare nuovi appassionati che mi seguivano da anni, altri che passavano dalla mia pagina per caso e si sono fermati per un acquisto, altri, spesso amici conosciuti alle fiere o su Facebook che si sono letteralmente svenati per accaparrare il più possibile del mio materiale.
E in un periodo di crisi fetente come questa sono davvero da ringraziare. Le tavole de L’Insonne sono terminate. Lo scrigno dei lavori passati si richiude. Si riaprirà? Non credo”.

Insegnamenti da questa esperienza? “Porto con me alcune riflessioni: la prima è che, a mio modesto parere, non sono i disegnatori o i disegni in sé che attraggono i compratori, ma il personaggio rappresentato nella tavola. Alcuni miei disegni generici sono stati venduti a neppure 10€, quelli di Diabolik e Desdemona sono anche andati in tripla cifra. Ecco, è bene che un disegnatore si renda conto di questa cosa. Non dobbiamo credere di essere la star. Siamo solo lo strumento che materializza l’eroe di turno.
La seconda riflessione è legata agli acquisti. Da appassionato di fantascienza degli anni ’70 ho comprato parecchio, ultimamente (troppo secondo tutti quelli che mi stanno intorno), e devo dire di aver trovato venditori onestissimi e gentilissimi in tutto il pianeta. Mi spiace un po’ che l’unica mezza sola l’ho presa da un italiano. Dai, ragazzi, non facciamoci riconoscere”.

insonne_aIntanto venendo alle altre ‘occupazioni’, L’Insonne non si arrende: “Ci sono ancora tanti lettori che la cercano e tanti autori che vogliono scriverla o disegnarla. Sfortunatamente per chi non l’apprezza, anzi la detesta, Desdemona è ormai innegabilmente, un personaggio storico del fumetto italiano” anche se l’Italia se l’è fatta scappare.
Randocomics, piccolo ma agguerritissimo editore, ha deciso di pubblicare un’avventura di Desdemona nel nuovo mercato dei comics ceco. Come primo esperimento si è deciso di pubblicare solo un one shot. L’episodio La crociata dei bambini, con delle piccole modifiche è stato trasformato un una graphic novel a tutti gli effetti. Impreziosito dalla splendida cover di Marco Turini (già art director di randocomics), l’albo disegnato da Marco Checchetto e Antonio Menin e scritto da Andrea Polidori e il sottoscritto, può essere richiesto anche dai collezionisti italiani contattando l’editore dal sito www.randocomics.com oppure scrivendo a info@randocomics.com e scrivete pure in italiano”.
Non solo. “Già, non ci facciamo mancare nulla e L’Insonne è sbarcata su Android. Con uno smartphone o un tablet Android si possono scaricare gratuitamente, grazie alla disponibilità degli autori, i primi quattro episodi della serie”.

Il 2014 sarà un anno importante: “A marzo festeggerò vent’anni di carriera. Che sia onorata o meno, lo decideranno i posteri o qualche rubrica di informazione on-line. Sempre in primavera verrà pubblicato il mio primo Grande Diabolik e la Star Comics presenterà un progetto in cui ho messo lo zampino, anzi, ho proprio dato la spinta iniziale. A ottobre sarà la volta di festeggiare L’Insonne, che taglierà con me il traguardo di un ventennio a fumetti, titolo quasi inquietante. Spero di potervi proporre un ombibus della serie e la visione del cortometraggio su cui sto lavorando insieme alla Mescalito film.
Con l’amico regista Alessandro Giordani mi ero ripromesso di non rivelare la cosa, ma io sono un chiacchierone e non ce la faccio a resistere. D’altra parte la notizia è di dominio pubblico visto che è pubblicata sulla pagina del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, direzione generale per il cinema. Abbiamo ottenuto un finanziamento per realizzare un cortometraggio che avrà Desdemona come protagonista. Il corto di 20-25 minuti, sarà un prodotto professionale ad opera della Mescalito e tratterà un tema di importanza sociale. Il primo semino di questo progetto è stato piantato ormai nel 2008 grazie a Giuseppe Silvi e Alessandro Giordani che da lettori de L’Insonne hanno creduto fortemente in questa idea. La sceneggiatura è già stata scritta e depositata e col produttore Giorgio Beltrame speriamo di poterlo presentare durante l’edizione del 2014 di Lucca Comics dove festeggeremo i vent’anni di vita del personaggio.
Era successo altre quattro volte che ci venisse proposto di realizzare un film dedicato a Desdemona. In un caso furono fatti anche dei provini con attrici conosciute, ma è sempre tutto svanito come la brina al primo sole. Andrea Polidori ed io eravamo molto pessimisti, ma come si dice: quando meno te lo aspetti.. Rimbocchiamoci le maniche perché, se fare fumetti è difficile, ho il lieve sospetto che fare un film sia molto peggio”.

dibe_diabolik

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...