Fabrizio Gaeta, le sue foto al Cavolo Nero Bistrot

foto_gaetaSpesso è nei piccoli dettagli che si nasconde la chiave per comprendere meglio la personalità di un artista, e Fabrizio Gaeta, professione fotografo, è un artista, perché tramuta in pretesti di arte le sue emozioni nel guardare la città.

Oggi Fabrizio Gaeta trova il pretesto per mostrarci la sua fonte d’ispirazione, la vita che lo circonda, in una mostra fotografica di sicuro impatto, l’abbinamento con il cibo e i sapori creati dallo chef Achille Pirillo, al Ristorante Cavolo Nero Bistrot, emozioni sensoriali create con l’olio novo toscano per le zuppe fumanti nate da elaborazioni di prodotti della terra, il cavolo nero e le verdure del campo, abbinamenti per una inedita mostra fotografica che rappresenta il suo mondo, il suo punto di vista rispetto alla scoperta di sentimenti, immagini, attimi di sosta e di riflessione, occhi attenti sulla città, sulla vita. Tracce e orme sulla strada, lo sguardo di un cane, la mano che ti sorregge e ti guida, inediti giocolieri di città, i riccioli di ferro dei lampioni della luce, la vecchia Singer, panchine che accolgono la sosta di un vecchio, biciclette abbandonate, i primi giorni d’ottobre di una spiaggia, i fiori d’autunno, foglie, viali e percorsi in tutta una serie di cose, persone, oggetti che il fotografo ti obbliga a ricordare, flash back che ti riportano indietro, all’uso quotidiano, ad incontri ma anche ad abbandoni, a momenti di gioia e di tristezza.

Emozioni abbinate ai sapori per inedite serate gastronomiche culturali, quelle al Cavolo Nero Bistrot, per una vocazione sorretta da un eccezionale talento, quello della fotografia che si fa arte l’arte del vedere il mondo con gli occhi del fotografo Fabrizio Gaeta.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Fabrizio Gaeta, fotografo professionista, che “vede” il mondo deformato attraverso l’obiettivo ma anche attraverso le suggestioni del cuore; il concetto del suo lavoro si può definire poesia, in quanto obbliga chi guarda una sua foto ad un viaggio dentro di sé. dentro alla sua umanità, anche se inconsapevole.

I suoi sono sguardi posati su macchie di pioggia, passi cancellati dal vento, attimi di vita sospesa, occhi che ti guardano lasciando indovinare il silenzio, volti sorpresi, statici ma vivi, le nuvole che si soffermano dai loro misteriosi viaggi la sua è la spudorata curiosità delle sue foto che entrano nei pensieri più intimi, nelle pieghe del viso, in fondo agli occhi, in fondo all’anima

Cristina Vannuzzi

http://www.fabriziogaeta.com

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...