Mostrato a Firenze il vero volto di Poliziano, morto avvelenato come Pico della Mirandola

poliziano_2Ecco il probabile volto di Angelo Ambrogini detto Poliziano, poiché nativo di Montepulciano (14 luglio 1454 – 29 settembre 1494). Poeta e filologo, fu il più brillante esponente della cultura umanistica fiorentina. Morì a Firenze in circostanze rimaste misteriose. Il modello del volto è stato mostrato a Firenze in Palazzo Medici Riccardi, dal Comitato per la valorizzazione dei beni culturali diretto da Silvano Vinceti e coadiuvato in questa impresa da Chantal Milani, antropologa forense esperta in identikit.


Il mistero sulla morte. La notte tra il 28 e il 29 settembre 1494 Poliziano morì improvvisamente a Firenze in circostanze mai chiarite, due anni dopo aver assistito alla morte di Lorenzo il Magnifico.
La tesi dell’omicidio è stata molto dibattuta. Il movente sarebbe dovuto alle convinzioni scientifiche o esoteriche, espresse o meno, che a quel tempo di rigore religioso e morale valevano più delle semplici azioni.
Si è sostenuto anche che i due amici morti misteriosamente a Firenze in quel fatidico 1494 a distanza di poche settimane l’uno dall’altro, Giovanni Pico della Mirandola e Poliziano, fossero omosessuali e per questo classificabili come due delle prime vittime della grande epidemia di sifilide che colpì l’Europa alla fine del 1400: da qui i sintomi acuti e un decorso rapidissimo della malattia per una fine che non necessita di ulteriori spiegazioni.

Questo slideshow richiede JavaScript.


Gli esperti hanno aggiunto particolari a questa pagina della storia rimasta incompleta: le alte concentrazioni di arsenico rilevate durante gli esami svolti a Ravenna sui resti ossei e sui tessuti trovano elementi a supporto della tesi della morte sopraggiunta per avvelenamento nelle ricerche documentaristiche svolte da Vinceti con l’attenta rilettura dei dimenticati diari di Marino Sanuto, un cronista fiorentino di fine ‘400.
L’omicida? Il segretario personale di Pico della Mirandola, Cristoforo da Casalmaggiore che avrebbe agito su commissione di alcuni mandanti quali Piero de’ Medici, Papa Alessandro VI ed il filosofo Marsilio Ficino.

I resti di Poliziano sono stati riesumati nel 2007 a Firenze nella chiesa di San Marco, insieme a quelli di Pico della Mirandola: il teschio era frammentato, ma grazie a tecniche di assemblaggio virtuale è stato possibile ricomporlo e completarlo nelle parti mancanti.
Successivamente ha avuto luogo la ricostruzione del volto effettuata con l’ausilio di uno staff formato da antropologi, specialisti della polizia scientifica, artisti forensi ed esperti di virtual effect.
Tutto è iniziato con una forma di plastilina, il modello integrale in silicone invece è servito per ottenere un effetto altamente realistico.
Il volto mostrerebbe i tratti peculiari di Poliziano, replicati anche grazie alla documentazione storica.

Poco importa se ai profani il volto mostrato oggi a Firenze è sembrato appartenere a Pico della Mirandola, raffigurato nei dipinti con un naso elegante, anziché a Poliziano che tutti individuano come uomo dai tratti gravi e dal naso ricurvo. Ancora una volta Silvano Vinceti (che ha in mente di utilizzare la stessa tecnica per dare un volto a Lisa Gherardini, la Gioconda di Leonardo) si dimostra personaggio di grande acume socio-culturale. Non è un caso se può vantare gli scavi archeologici in Sant’Orsola che hanno ottenuto grande risalto internazionale, mentre Firenze conta i cocci ed è costretta ad investire 50mila euro in riparazioni urgenti per evitare il crollo di un’ala dell’ex convento. E’ a Vinceti che si devono i sussulti di curiosità e le potenziali ricadute turistiche generate dalla avara storia fiorentina piantata come un vecchio cardine tra i lasciti testamentari lasciati a prendere la polvere del tempo.

Antonio Lenoci

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...