A Firenze il concerto evento della Steve Rogers Band plays Vasco

SteveRogersBand_PPLa “Steve Rogers Band” al “Viper Theatre” di Firenze il 7 dicembre 2013 alle ore 21.
Maurizio Solieri chitarra e voce assieme a Lorenzo “Lollo” Campani, Max Gelsi al basso, Beppe Leoncini alla batteria, Mimmo Camporeale alle tastiere.
Ospiti della serata Massimo Ceccherini e Alessandro Paci.
Parte dell’incasso sarà devoluto all’associazione onlus Zia Caterina (www.milano25.com) a favore dei bambini malati di tumore.

Solieri affronta lo scontro generazionale con i nuovi ritmi musicali, le esigenze radiofoniche che preferiscono l’hip hop e coglie con ironia la presenza massiccia dei Talent “che sfornano figlie di Giorgia”. “Peccato che non si riesca più a dire Ma senti che gran pezzo” detto con la malinconia chi di ha visto sfilare i migliori e la consapevolezza di vivere un tempo socialmente, politicamente ed umanamente ben più dark di quanto si sarebbe potuto immaginare.

La Steve Rogers Band è un gruppo rock italiano fondato a Modena nel 1980. Gruppo spalla di Vasco Rossi sono noti per l’album Alzati la gonna del 1988, che valse successo e riconoscimenti a livello nazionale.
Serviva un gruppo stabile che accompagnasse lo sconosciuto ma promettente Vasco Rossi e nacque così Steve Rogers Band, prendendo spunto dallo pseudonimo che il produttore Guido Elmi utilizzava per firmare le proprie produzioni, appunto Steve Rogers. Inizialmente vi facevano parte: Massimo Riva e Maurizio Solieri alle chitarre, Mimmo Camporeale alle tastiere, Andrea Righi al basso e Roberto Casini alla batteria. Neve nera / Prendi e scappa, è il primo 45 giri senza Vasco. Maurizio Solieri autore delle musiche mentre Vasco Rossi fa il ‘semplice’ autore.
Negli anni ’80 la collaborazione prosegue tra alti e bassi e numerose ospitate, con partecipazioni a Vota la Voce ed al Festival di Sanremo che se non ti solleva ti lancia nel vuoto. Soprattutto nascono C’è chi dice no, Canzone, Lo Show, Stai con me stasera.. Nel 1990 l’ultimo album Sono donne: riscuote poco successo e il gruppo si scioglie.
Il 31 maggio 1999, Massimo Riva la cui collaborazione con Vasco lo porta sui grandi palchi internazionali, muore nel suo appartamento a Bologna e come spesso capita in questi casi chi sopravvive non molla, ma si chiude una parentesi piena di foto, sorrisi, viaggi, litigi e tanti ricordi e niente sarà più come prima.
La reunion è del 2006 e coincide con un nuovo album dal titolo Questa sera Rock’n Roll!, con ben tre canzoni inedite. Il Grande Amore è la più sentita, scritta da Massimo Riva nel 1996 quando sognava una ricomposizione del gruppo.

Solieri per 35 anni è stato il “manico” di Vasco Rossi, uno dei pochi che possa vantarsi di aver attraversato la musica italiana graffiando le corde ed imprimendoci sopra il proprio nome. Non è facile e non è da tutti.

Dopo gli indimenticabili anni ’60 e ’70 con le radio libere che permettevano sperimentazioni e tempi dilatati di ascolto, gli anni ’80 del Rock duro non sono stati semplici da gestire all’interno dei nuovi spazi commerciali. “Ricordo il famoso Larione 10, lo studio di registrazione di Firenze Sud” sottolinea Solieri, luogo noto anche ad Irene Grandi e Piero Pelù dove è nata una generazione controtendenza  che di tendenza ne ha fatta parecchia.
La passione non tramonta mai, la grinta neppure, cambiano gli ascoltatori, forse, ma chi è veramente bravo è capace di riempire sempre nuovi spazi con la giusta frequenza e vibrazione.

Antonio Lenoci

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...