Bia Borse: la Borsa che ti fa l’occhiolino!

Quando si dice che il talento uno ce l’ha nel sangue: Laura ha iniziato con una vecchia macchina da cucire che sua madre aveva ereditato dalla nonna; ago e filo erano per lei colori e fogli bianchi, un modo per dare sfogo alla creatività.

All’inizio erano vestiti per le bambole, poi astucci per la scuola e costumi di carnevale. Laura comprese presto che il taglio e cucito sarebbe stata la sua strada, quale sarebbe diventata la sua specializzazione l’avrebbe capito poco dopo aver frequentato l’Istituto d’Arte di porta Romana a Firenze. E’ qui che la sua creatività ha cominciato a prendere una forma più compiuta; ma è stato l’incontro con il mondo delle pelletteria a segnare il punto di svolta. La tradizione conciaria fiorentina ha allevato generazioni di maestri pellettieri toscani tanto che anche oggi fare shopping a Firenze significa inevitabilmente portarsi a casa qualcosa che abbia quell’ inconfondibile profumo di pelle o cuoio.

E’ stato proprio fare borse per i grandi marchi della moda fiorentina a far scattare in Laura la scintilla: sostituire il logo del noto marchio con qualcosa di più personale e diciamolo anche più creativo del solito modulo decorativo con le iniziali della griffe!
Mixare tessuti, selezionare il tipo di pelle più adatto per morbidezza, colore e qualità, scegliere con cura ogni dettaglio dalle cerniere agli accessori fino alle fodere; nascevano così le primissime borse quelle che in genere si regalano alle sorelle e alle amiche. Ma non c’è voluto molto perché a bussare alla porta di Laura arrivassero le amiche delle amiche e poi anche le sorelle delle amiche delle amiche.

Nasce così Bia Borse, l’azienda di borse artigianali che Laura ha messo su nel suo paese a Vicchio del Mugello; per la verità all’ inizio era solo una stanza piena zeppa di tessuti e pellami di recupero che Laura andava a raccogliere personalmente dai tagliatori della zona. La piccola bottega oggi è cresciuta, i macchinari sono aumentati e quella di realizzare borse, spesso su richiesta, è diventato per lei un vero e proprio lavoro.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lo stile di Bia Borse è originale e riconoscibile: che si tratti di buste, secchielli o bauletti sono tutte coloratissime.  Ma la regola aurea è l’armonia di colori e consistenze: tra la pelle e il tessuto, sempre cuciti insieme, ci deve essere rigorosamente un legame di “parentela”: “una volta che ho in mano le mazzette di pelle vago in cerca della sorella stoffa”, altrimenti il binomio non funziona.

Niente viene lasciato al caso, tanto meno la fantasia della fodera interna, spesso a contrasto con il design esterno. I materiali ottimi e resistenti per quelle donne, praticamente tutte, che mettono a dura prova la tenuta delle proprie borse (parola di Mery Poppins, ovvero la mia!)

L’altro elemento distintivo delle borse di Laura è il motivo decorativo: la margherita che si alterna a cerchi concentrici applicati, un tema che Laura ha recuperato dalla sua infanzia, da quella vecchia coperta che i suoi genitori avevano sempre sul lettone e che oggi è diventata la firma di Bia Borse.

Le creazioni Bia Borse sono acquistabili nei vari mercatini locali itineranti ma da gennaio si potranno fare anche ordini on line. Per i prezzi si va dai 10 euro in sù. Intanto per chi non può sostare sulla vetrina c’è la pagina facebook, Bia Borse Lavorazione Artigianale sempre aggiornatissima, che si arricchisce ogni giorno di nuovi amici.

Flò 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...