Tra i vicoli fiorentini vestire Vintage a un prezzo sostenibile

1391659_706180862745092_1328243276_nGuardare al passato, ai materiali e alle forme che hanno identificato un’epoca non solo un modo di vestire e trovare l’ispirazione per un look fuori dal comune. Riuscire ad essere originali con nulla di nuovo addosso. Lo stile delle grandi firme con in più il fascino del tempo vissuto: in una parola Vintage. La mia curiosità verso questo mondo aumenta decido così di proseguire il mio tour tra i vicoli fiorentini e a due passi dalla Facoltà di Lettere e Filosofia in via dei Pilastri ho scovato un altro piccolo negozio che per dimensioni e per ”contenuto” assomiglia un po’ ad uno scrigno. Si chiama LadyJane  Bvintage ed è un locale piccolissimo ma pieno di sorprese, intuibili già dal manichino in vetrina. Generalmente si pensa che il Vintage sia costoso: in effetti una giacca o un cappotto originale di Yves Saint Laurent  fine anni ’60, una Chanel 2.55 o una Birkin bag di Hermes  sono considerati dei veri e propri esemplari da collezione, degli oggetti unici che racchiudono una storia e un fascino irripetibile e possono arrivare a costare anche svariate migliaia di euro. Come per le opere d’arte più sono rare più sono ambite. A far lievitare i costi poi c’è la sempre maggiore penuria di materia prima inversamente proporzionale al numero di acquirenti. D’altra parte però negli ultimi anni complici anche i grandi stilisti che in passerella attingono a più riprese alle tendenze del passato, la richiesta è aumentata e il vintage è diventato meno elitario e quindi più popolare.

Basta camminare per strada per accorgersi che il gusto un po’retrò ha preso piede soprattutto tra le più giovani e Firenze dove l’alta moda italiana ha mosso i suoi primi passi naturalmente non poteva far eccezione. Non è necessario essere delle fanatiche del settore per lasciarsi ammaliare dal fascino di una borsa in pelle che profuma di storia.  Con quel non so che di rassicurante e insieme di ricercato che lo rende prezioso il Vintage innesta nel presente la nostalgia del passato senza però mai indulgere alla malinconia. L’old style semplicemente si fa style e preso a giuste dosi sta bene a tutti e con tutto. Può capitare così che a una convention politica dal titolo Diamo un nome al Futuro il cui attore protagonista è Matteo Renzi il rottamatore della sinistra italiana, sul palco a fare da scenografia ci siano un vecchio microfono anni’50, la bicicletta di Bartali e una Vespa bianca anni’60 . Così come può capitare che una ragazza decisamente contemporanea  scelga cappottini anni’50, cappe anni ’70 o abitini anni ’30 da abbinare con disinvoltura con l’ultimo modello di biker o con un taglio di capelli di ultima tendenza. Sabrina la titolare di LadyJane  Bvintage lo sa bene e infatti la sua è una clientela larga e fidelizzata che va dalle studentesse universitarie alle signore più adulte. Nonostante la crisi economica non c’è giorno in cui Sabrina non accolga clienti che poi effettivamente comprano i suoi abiti per lo più provenienti dai mercatini londinesi.  La sua più efficace pubblicità è il passa parola e soprattutto la sua pagina Facebook, continuamente aggiornata sugli ultimi arrivi e fonte d’ispirazione quotidiana per le sue clienti che spesso finiscono per prenotare i loro acquisti a tempo di post. Da LadyJane è possibile trovare sia del vintage originale per lo più londinese che del vintage restyled ovvero delle creazioni di stilisti emergenti che si ispirano ai cartamodelli del passato. 

Questo slideshow richiede JavaScript.

Particolarmente suggestivo è lo scaffale dei bijoux e quello degli accessori, ce n’è per ogni gusto e per ogni epoca: dagli orecchini agli anelli più appariscenti di fine anni ’80 ai ciondoli in argento a forma di tazzina da the di qualche decennio prima e poi ancora borse di pelle a forma di secchiello, di cartella a bauletto o splendidi borsoni da viaggio e ancora cappelli:  i classici borsalino, le fasce per capelli anni ’50 o quelli tipici degli anni ’20.

Punto forte di LadyJane  senza dubbio è il prezzo, alla portata di tutti. Per un maglioncino in stile bon ton si va dai 20 ai 40 euro, gli abitini di ogni forma e colore non superano mai i 40 euro, le giacche dai 30 ai 50 euro. Le borse e gli stivali poi dai 50 euro in su. Tutto acquistabile anche on line. Perché  anche il Vintage sia al passo coi tempi!

Flò

Annunci

Un pensiero su “Tra i vicoli fiorentini vestire Vintage a un prezzo sostenibile

  1. Posizione spettacolare e tipica fiorentina, con atmosfera realmente incantevole che non si è smentita quando sono tornato. Sono andato nel tardo pomeriggio ed ho poi fatto un meraviglioso aperitivo in Piazza Sant’Ambrogio a ridosso della chiesa. Incantevole situazione!!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...