Sembrava fosse una boutique invece era un conto vendita

lampada_specchioAvere a disposizione un budget limitato e riuscire comunque a concedersi qualche vanità. Confessiamolo, noi donne se potessimo compreremmo una quantità spropositata di vestiti, scarpe e borse, poco importa se non avremo mai il tempo di metterli tutti. Volete mettere la soddisfazione di aprire  ogni mattina l’armadio, meglio ancora una cabina, e avere l’imbarazzo della scelta? Di questi tempi però concedersi qualche debolezza di troppo significa quasi certamente portarsi a casa anche un ingombrante senso di colpa che generalmente si materializza nel preciso momento in cui, dopo aver riposto il nuovo acquisto, ci ritroviamo con lo scontrino in mano. Disfarsene in fretta e comunque sempre prima che nostro marito o il nostro ragazzo ci colga in flagrante è spesso il modo più veloce per esorcizzare ogni brutto pensiero quasi a dire: ormai è fatta!

Di sicuro c’è che a poter spendere a cuor leggero per un capo d’abbigliamento sono rimasti in pochi e non a caso a contendersi  le vie tradizionali dello shopping di Firenze sono da un lato le grandi boutique del lusso e dall’altro le grandi catene d’abbigliamento low cost. Che fare dunque adeguarsi al proliferare di una moda sempre più usa e getta ma anche a misura di portafogli oppure  semplicemente desistere da ogni tentazione e mettersi l’anima in pace? Dopo essermi dibattuta per un po’ su questo dubbio amletico un bel giorno ho deciso più semplicemente di guardare altrove e nei vicoli più nascosti di Firenze ho scoperto un mondo.  In questi piccoli negozi gestiti con l’attenzione per ogni dettaglio, dall’arredamento all’esposizione dei capi scelti uno per uno e dove il rapporto con le clienti viene prima di tutto ho avuto la prova che non è necessario spendere una fortuna per inventarsi o reinventarsi uno stile tutto proprio.

Un giorno d’estate stavo andando a fare la spesa al supermercato vicino casa e mi sono imbattuta nella vetrina di Glam, un piccolo negozio in conto vendita di nuova apertura in via Leonardo da Vinci. Ricordo che più di tutto mi colpirono le scarpe e un magnifico chiodo in pelle. Subito dopo notai le griffe. Quella volta non entrai.
Mi sono decisa mesi più tardi: tutto lì dentro dai cappelli, ai foulard ai lunghi abiti fino alle giacche e ai cappotti mi ricordava le storiche copertina di Vogue con le dive d’altri tempi, contrariamente a quanto mi aspettassi però i prezzi erano contenuti. Da allora sono passati due anni e Glam è diventato il posto in cui andare quando voglio qualcosa di sfizioso, unico, introvabile a prezzo di franchising.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Un conto vendita appunto, ma scordatevi tutto quello che viene comunemente definito usato o di seconda mano:  Glam assomiglia piuttosto a una boutique. Allegra, la proprietaria, seleziona personalmente ogni singolo capo o accessorio rigorosamente firmato dai grandi nomi della moda o di alta sartoria. Tutto in pratica è l’espressione del suo personale gusto e del suo intuito. A ciascun scaffale il suo colore con accessori e gioielli coordinati. Sulla parete frontale campeggia il noto motto di Coco Chanel “L’eleganza non consiste nell’indossare un vestito nuovo”. E in fondo si sa: cos’è la moda se non il gioco della ripetizione?

Da Glam si può trovare il Vintage di ottima qualità ma anche collezioni più recenti o capi disegnati dalla stessa Allegra che ha fatto del suo negozio un piccolo regno dove esprimere a tutto tondo la sua passione per la moda.

Flò

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...